George Romero

wof_Romero

Regista celebre per il leggendario film cult “La notte dei morti viventi”, George Andrew Romero nasce il 4 febbraio del 1940 nel Bronx, a New York, da padre cubano emigrato e da madre di origine lituane. Presto si sviluppano in lui le passioni per il fumetto e per il cinema. Frequentatore accanito di sale cinematografiche, è però profondamente colpito, a dodici anni, da un programma televisivo del tutto speciale, ossia i “I racconti di Hoffmann” (alcuni dei quali assai inquietanti), dei registi britannici Michael Powell e Emeric Pressburger.Vista la sua crescente passione per il cinema e tutto ciò che ha a che fare con le immagini, lo zio gli regala allora una cinepresa a 8 mm e, a soli tredici anni, George realizza il suo primo cortometraggio. In seguito si iscrive alla Suffield Academy, nel Connecticut. Collabora al film “Intrigo internazionale” di Alfred Hitchcock. Nel 1957 studia Belle Arti all’Università di Pittsburgh, sua città di adozione di cui si innamora. Qui realizza molti cortometraggi industriali e realizza alcuni spot pubblicitari. Nel 1968 gira l’opera che lo rende, oltre che famoso in tutto il mondo, caposcuola di una serie di registi che realizzeranno film cosiddetti “gore”, un genere che si nutre di violenza, sangue, morti viventi, maniaci assassini e seghe elettriche: “La notte dei morti viventi”. Il fatto curioso è che si tratta per la verità di una pellicola quasi amatoriale, girata con una cronica carenza di mezzi e di risorse (supplite però da una visionaria e spericolata fantasia), in uno splendido bianco e nero da “cinèfile” e con una colonna sonora ispiratissima, opera di un gruppo poi diventato un riferimento nel genere, i Goblin (gli stessi di “Profondo Rosso”, per intendersi). Gli attori sono tutti dilettanti (tranne il protagonista di colore Duane Jones e un’attrice dal ruolo secondario), tanto è vero che, fatto curioso per una produzione cinematografica, vi furono delle difficoltà di realizzazione non indifferenti: i protagonisti, infatti, potevano permettersi di accedere al set solo il sabato e la domenica, poichè durante la settimana erano obbligati a svolgere il normale lavoro di tutti i giorni. Il costo della realizzazione è di 150.000 dollari (c’è chi dice 114.000), ma ne incassa subito oltre 5 milioni ed è destinato ad incassarne oltre 30 milioni. Successivamente, però, Romero resterà prigioniero del suo film d’esordio, continuando a dirigere sequel più ricchi ma meno inventivi. “La notte dei morti viventi”, infatti, è il primo di una trilogia di film che si intitolano “Zombi”(1978), presentato in Italia da Dario Argento (e, a quanto pare, anche ritoccato nel montaggio dallo stesso Argento), con l’inquietante musica dei celeberrimi, per gli amanti del genere, Goblin. e “Il giorno degli zombi” dell”85, la cui trama è imperniata in un mondo completamente rovesciato: i vivi si sono rifugiati nel sottosuolo, mentre gli zombie hanno conquistato la superficie terrestre. Non solo, ma questi ultimi si aggirano imperterriti in grossi centri commerciali, replicando come in un incubo troppo reale per non fare paura, gli stessi comportamenti che avevano da vivi. La strizzata d’occhio alle critiche dirette verso il consumismo e l’attuale modello di società sono fin troppo scoperte. Nel 1977, dopo essersi dedicato ai film per la televisione, realizza “Martin” (noto anche come “Wampyr”), malinconica e decadente storia di vampirismo realizzata con un budget, al solito, assai scarso. Tra gli attori, troviamo il mito degli effetti speciali Tom Savini, lo stesso Romero nelle vesti di un prete e Christine Forrest, l’attrice che, dopo una lunga frequentazione partita dal set, in seguito diventerà la moglie del regista. Anche in questo caso, della colonna sonora se ne occupano i fidati Goblin, i quali non lesinano la loro arte nel creare alchemici ed evocativi effetti sonori.Del 1980 è la volta di “Creepshow” una serie a episodi per i quali collabora per la prima volta con il genio dell’horror su carta, Stephen King. Tuttavia, il suo nome rimarrà indissolubilmente legato a quel primo, fondamentale film dedicato agli zombi, tanto che al solo pronunciare il nome “Romero”, anche i più tiepidi cinefili riconoscono il regista che ha dato “vita” ai morti. Del 1988 è “Monkey Shines: esperimento nel terrore”, una riflessione, in puro stile deviante, sulle tematiche legate agli esperimenti biologici e di mutazione genetica. Nel 1990 vede la luce un film in due episodi frutto della collaborazione con Dario Argento, uno dei quali è diretto dallo stesso Argento. Il materiale di partenza è tratto da racconti di Edgar Allan Poe, mentre le musiche sono di un altro nome ben noto agli appassionati di colonne sonore, il nostro Pino Donaggio. Tutte queste pellicole comunque non riscattano il generoso talento visionario di quel grande cineasta che in fondo Romero indubbiamente è. Solo con il recente La metà oscura (1993), tratto da un racconto di Stephen King e interpretato, da Timothy Hutton, Romero sembra aver ritrovato la vitalità artistica degli esordi. Venerato da centinaia di appassionati in tutto il mondo, il regista cerca ancora il film del grande riscatto. E’ vero che nel 2002 la casa sviluppatrice di videogiochi Capcom lo ha interpellato per dirigere il film Resident Evil, ma è anche vero che lo ha licenziato a riprese iniziate perché, sembra, la sceneggiatura elaborata da George Romero si discostava troppo da quella del videogioco. Il film è stato girato poi da Paul W. S. Anderson. I suoi lavori successivi sono “La terra dei morti viventi – Land of the Dead” (2005) e “Le cronache dei morti viventi – Diary of the Dead” (2007). Malato di cancro ai polmoni, George Romero muore il 16 luglio 2017 all’età di 77 anni, a New York.